Pesca Slow Pitch: storia, tecnica e attrezzature

Lo slow pitch è una tecnica di pesca giovane che dal Giappone è arrivata in Italia negli ultimi dieci anni. Si tratta della naturale evoluzione del vertical jigging, ma più lenta rispetto a essa. Quest’ultima ruota attorno a jerkate che spingono l’artificiale verso l’alto, per poi discendere in profondità.

L’azione di pesca si basa su un ritmo lento, ma dinamico, fatto di “stop and go” mai scontati e prevedibili. L’obiettivo è quello di muovere l’artificiale in modo tale da imitare un pesciolino ferito. Questo movimento viene chiamato “foglia morta” ed è molto catturante.

Grazie a questa disciplina possiamo pescare gli scorfani e altri predatori, ma anche grufolatori come le orate, gli occhioni e i pagelli.

In questo articolo ci occuperemo dell’azione di pesca e delle migliori attrezzature per pescare a slow pitch.

Continua a leggere.

LEGGI ANCHE: Pesca dell’orata a fondo: tecnica e attrezzature

Slow Pitch: qual è l’azione di pesca?

Iniziamo con il dire che questa tecnica è caratterizzata da una lenta discesa seguita a strattoni più o meno forti, in proporzione al peso dell’artificiale.

Quando l’esca discende prende a ondeggiare, cioè a muoversi lateralmente andando a rallentare la sua discesa. Ciò è dovuto al fatto che lo slow pitch jig ha un baricentro centrale. Più l’esca scende, maggiore sarà il tempo necessario affinché arrivi al fondo. La discesa, poi, è influenzata anche dalla forma dell’artificiale, perciò ogni esca avrà un tipo diverso di affondamento.

Possiamo semplificare l’azione di pesca nel seguente modo:

  1. tenere l’artificiale Slow appeso alla lenza a precipizio sul fondo;
  2. reggere la canna a 90 gradi rispetto alla lenza;
  3. avvolgere il filo con un giro completo, mezzo dito o un quarto di giro;
  4. terminato il giro, la canna torna in posizione di riposo imprimendo all’artificiale un’accelerazione verso l’alto.

In altre parole, quando strattoniamo l’artificiale verso l’alto, questo si svincola dal filo, grazie all’accelerazione iniziale impressa dalla jerkata. Finita l’accelerazione entra in gioco la gravità, che fa ricadere l’esca che, intanto, si gira. Tutte le volte che si fa una jerkata, l’artificiale prende posizioni diverse.

Quando il jig si mette in posizione orizzontale è più probabile che il pesce aggredisca l’esca. A questo punto dobbiamo lasciare che la canna agisca come una frusta . 

Nel momento in cui l’esca ritorna in basso, dopo l’accelerazione inflitta dalla canna, si gira in posizione orizzontale. In quell’attimo il pesce si allama per poi trovarsi penzoloni grazie alla jerkata improvvisa.

Pertanto, è fondamentale che gli strumenti impiegati siano progettati seguendo questi principi.

Nei prossimi paragrafi vedremo proprio quali sono le migliori attrezzature per pescare con slow jigging utilizzando le gomme.

Le migliori attrezzature per la pesca slow pitch con le gomme

L’attrezzatura ideale per lo slow pitch consiste in alcuni indispensabili strumenti del mestiere:

  • una canna sottile e flessibile, affinché l’artificiale si muova correttamente;
  • un mulinello rotante con recupero veloce oppure un mulinello fisso sempre con recupero veloce.

Questi due attrezzi devono essere leggeri e sensibili, perché in un attimo dovrai sentire che il pesce ha abboccato. Ricordati che questa tecnica si basa tutta sulla discesa dell’artificiale.

Vediamo quali sono tutte le attrezzature indispensabile per questa tecnica di pesca disponibili sul sito Gema Pesca e Sport:

Tica Mulinello Titan Claw

Tica Mulinello Titan Claw è lo strumento per pescare ideato per le tecniche verticali e per il casting. Il corpo in alluminio anodizzato garantisce resistenza alla corrosione della salsedine. I dischi in carbonio ad elevata tenuta sono insensibili agli sbalzi termici. Per risultati davvero eccezionali.

Trecciato Daiwa J Braid X8 Multicolor

Filo trecciato Daiwa Braid Multicolor è uno strumento per pescare realizzato in polietilene di qualità. 8 fili intrecciati costituiscono questo eccezionale prodotto dalle caratteristiche di impermeabilità e resistenza all’abrasione. Il trecciato è perfetto per catturare gli esemplari più grintosi.

Savage 3D Swim Squid

Savage è il calamaro finto perfetto da utilizzare come esca siliconica e insidiare i predatori più diffidenti. Realizzato a partire da un vero calamaro, la sua forma è realistica e ha un movimento che imita il nuoto del mollusco. Durante l’azione di pesca emette vibrazioni davvero catturanti.

Black Minnow Fiiish N 5 Combos Corps 90gr Deep

Soft Bait della Fiiish Black Minnow N 5 è l’artificiale perfetto per le tecniche di pesca verticali. La testa è realizzata in modo tale che l’esca precipiti verso il basso per raggiungere i fondali e insidiare i pesci grufolatori.

Ti è stato utile questo articolo?

Continua a seguire il nostro blog per scoprire le migliori tecniche e attrezzature da pesca acquistabili online.